Archive for Maggio, 2009

Mag 31 2009

Juventus-Lazio 2-0: La Sintesi

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

La sintesi della gara di oggi

Video importato

YouTube Video

Commenti disabilitati

Mag 31 2009

Juventus-Lazio 2-0: Le pagelle di Lazialità

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Foggia il migliore in campo. Ottimo l’esordio di Kozak che dimostra di avere grandi doti, ma ancora tanto margine di crescita. Sufficenze anche per tutti i difensori e per l’allenatore, del quale si aspetta di conoscere il futuro.

Carrizo 6
Subisce due gol ma mette in mostra le sue doti anche con qualche bella parata. Sarebbe bello rivederlo in maglia biancoceleste anche il prossimo anno ma sarà difficile.

Lichtsteiner 6,5
Ordinato, non soffre eccessivamente le discese di Nedved e alla lunga è rivenuto fuori in questo finale di campionato, proprio come ha fatto nel girone d’andata

De Silvestri 6
Nonostante schierato sulla fascia sinistra, disputa comunque una buona gara. Peccato per la palla rubatagli da Nedved dalla quale è poi partito l’assist per il secondo gol di Iaquinta.

Rozehnal 6
Gioca tutta la partita, pur essendo diffidato, rischiando di fatto di saltare la finale di Supercoppa a Pechino. Poteva gestire meglio Iaquinta, ma gioca comunque una buona gara.

Siviglia 6
Vale lo stesso discorso fatto per il compagno di reparto Rozehnal, principalmente per il discorso relativo alla gestione di Iaquinta, gioca comunque una buona gara anche lui.

Brocchi 6,5
Fischiatissimo, lotta su ogni pallone. E’ sicuramente uno di quei giocatori che servirà alla Lazio del prossimo anno.

Foggia 7
E’ senza dubbio il migliore, l’unico ad avere una marcia in più e a dimostrare quindi di poter far cambiare la gara da un momento all’altro con le sue giocate.

Ledesma 6
E’ l’unico a ragionare a centrocampo. Si esprime bene con diversi lanci molto insidiosi per la difesa ospite e per la sua solita presenza in mezzo al campo in fase contenitiva. L’argentino è un giocatore importante.

Dabo 5,5
Soffre un po’ li in mezzo al campo e non si esprime al meglio, ma stiamo parlando comunque di un giocatore che quest’anno è entrato ormai di diritto nella storia della Lazio con quel rigore tirato il 13 maggio, che ha poi di fatto regalato la Coppa Italia 2009 ai biancocelesti.

Del Nero 5,5
Non riesce pienamente a fare da raccordo tra centrocampo ed attacco, dov’è schierato al fianco di Kozak. Poteva sicuramente fare qualcosa in più.

Kozak 7
Il migliore insieme a Foggia. Nel corso della partita ha messo più volte in difficoltà i difensori bianconeri. Peccato per il palo nel finale. Può crescere tantissimo e bene, può essere quindi un ottimo investimento per il futuro.

Mendicino 6
Ha lottato molto e non era facile. Si è ovviamente trovato bene con Kozak, compagno di primavera, con il quale si spera faccia molto bene nel match decisivo della prossima settimana contro il Siena.

Meghni 5
Solita prestazione anonima. Non riesce a fare il salto di qualità, dimostrando quindi di non riuscire a crescere.

Tuia 6
Entra, gioca pochi minuti ma vorrebbe spaccare il mondo, rischiando anche qualcosa nell’entrata a Giovinco. La speranza è ovviamente quella di vederlo come futuro centrale difensivo della squadra biancoceleste del futuro.

Rossi 6,5
Il mister merita la sufficienza. Manda in campo la miglior formazione possibile, tenendo presente le squalifiche, gli infortuni e i giocatori diffidati. Solita partita da parte della sua squadra che commette qualche errore, ma dimostra anche di avere la possibilità di cambiare passo in qualche occasione

Un commento presente

Mag 31 2009

Juventus-Lazio 2-0: Buona la Lazio dei giovani

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Ottimo Kozac
Parte forte la Juve, che passa in vantaggio al 2′ minuto: Palla filtrante di Marchisio per Iaquinta, che supera in velocità Rozehnal, e batte Carrizo da posizione ravvicinata. Prova a rispondere la Lazio: Al 13′ Kozak sfiora il gol all’esordio da titolare: Lanciato in contropiede da Dabo, tenta di superare Buffon con un pallonetto, ma la sfera termina alta. Ancora Lazio al 23′: Serpentina di Foggia in area di rigore, che supera due uomini e scarica in porta verso Buffon: Buona la risposta del numero 1 bianconero. E’ sempre il folletto napoletano ad intimorire la Juventus: Al 42′ azione identica a quella precedente, Buffon si fa trovare di nuovo pronto.
Primo cambio nelle fila biancocelesti: Al 5′ Ettore Mendicino al posto di Simone Del Nero. Applausi per Nedved: Al 8′ sinistro al volo dai 25 metri, palla di poco fuori. Sostituzione anche per la Juventus: Amauri al posto di Cristiano Zanetti. Al 15′ raddoppia la Juve: Assist al bacio di Pavel Nedved per Iaquinta, che si inserisce tra Rozehnal e Siviglia, e batte per la seconda volta Carrizo. Secondo cambio per la Lazio: Al 18′ Meghni al posto di Dabo. Sfiora il gol ancora Kozak al 25′: Su cross di Brocchi il giovane ariete biancoceleste gira di testa, ma la palla termina di poco fuori. Nuova sostituzione in casa bianconera: Al posto di Iaquinta, in campo Giovinco. Tenta l’eurogol anche Ettore Mendicino, con un destro dai 30 metri: Parabola fuori non di molto sopra la traversa. Esordio in Serie A anche per Tuia: Al 30′ il giovane biancoceleste prende il posto di Siviglia. Al 37′ punizione magistrale di Pavel Nedved: Carrizo compie un autentico miracolo. Sfortunata la Lazio: Al 40′ palo di Kozak in mischia.Al 45′ minuto esatto l’arbitro Schio fischia la fine. Juventus batte Lazio 2-0.

Juventus batte Lazio 2-0 (1-0).

JUVENTUS (4-4-2): Buffon 6.5, Zebina 6, Legrottaglie 6.5, Chiellini 7, Salihamidzic 6, Camoranesi 6, Marchisio 6.5, Zanetti 6 (10′ st Amauri 5.5), Nedved 7 (37′ st Tiago sv), Del Piero 7, Iaquinta 7.5 (25′ st Giovinco 6). (13 Manninger, 4 Mellberg, 32 Marchionni, 17 Trezeguet). All.: Ferrara 7.

LAZIO (4-3-3): Carrizo 7, Lichtsteiner 6, Siviglia 6 (32′ st Tuia sv), Rozenhal 5.5, De Silvestri 5.5, Brocchi 6.5, Ledesma 6, Dabo 5.5 (17′ st Meghni 5.5), Del Nero 5 (6′ st Mendicino 5.5), Kozak 5, Foggia 6.5. (86 Muslera, 3 Kolarov, 87 Diakitè, 99 Perpetuini). All.: Rossi 6

Arbitro: Peruzzo 6
Reti: 3′ Iaquinta; 14′ st Iaquinta
Angoli: 8-4 per la Juventus
Recupero: 2′ e 0
Ammoniti: Lichtsteiner per gioco scorretto.
Spettatori 20 mila circa.


Cittaceleste

 

2 commenti

Mag 31 2009

Rajola: Nedved alla Lazio? E’ nel suo cuore, tutto è possibile”

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

"Difficile che resta in Italia"
L’agente di Pavel Nedved, Mino Rajola, ha commentato ai microfoni di Skysport l’ipotetico ritorno del 35enne ceco alla Lazio:"Tutto è possibile, non può essere escluso. Credo sia difficile che Pavel giochi in Italia con una maglia diversa da quella della Juventus, ma la Lazio potrebbe essere un discorso a parte, perchè è una squadra che è rimasta nel suo cuore. Vedremo. Inizierà a pensare al suo futuro a partire da domani".(lalaziosiamonoi)

Un commento presente

Mag 31 2009

Ecco i soldi per Zarate

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Lotito sta per pagare
Entro la prossima settimana partirà il bonifico da 20 milioni, passo decisivo per la chiusura dell’affare.

Il numero uno del club ha risposto al manager dell’attaccante: «Se pensa che ci siano problemi si sbaglia…». «Non consentirò che si gettino ombre per poter vagliare altre soluzioni». Telefonata di Cobolli Gigli per chiarire il caso Pandev.

Corriere dello Sport

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Lotito: Non ho mai chiamato Ballardini

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

"Parlo solo con Rossi"
"Chi pensa che la decisione di Ballardini di lasciare il Palermo dipenda da una mia iniziativa crede in una fesseria!". Tra ironia e schiettezza, arriva presto la risposta del presidente Claudio Lotito al numero uno rosanero, che aveva paventato un avvicinamento tra il tecnico Ballardini e la Lazio:"Ho avuto già un chiarimento con Zamparini, vengono dette tante stupidagini. E’ una settimana che si dice che la Lazio abbia già preso Zenga, adesso esce fuori Ballardini, domani toccherà ad un altro, insomma secondo me chi riporta queste notizie dovrebbe tranquillizzarsi dal punto di vista mentale. Quelle cose a Zamparini le ha dette un collega presidente..pensate un po’, secondo voi è credibile che io faccia strategie con i miei avversari? Ci siamo fatti una bella risata. Se io ho un problema, non faccio altro che chiamare direttamente Zamparini chiedendogli di poter contattare il soggetto interessato". Ma le voci non riguardano solo un passaggio di Ballardini alla Lazio, ma anche quello di Rossi al Palermo:"No,no – continua Lotito ai microfoni di Radio Radio – Come non è pensabile una considerazione nei miei confronti, altrettanto non è pensabile nei confronti di Zamparini. Io penso che se Maurizio avesse un interesse me l’avrebbe detto". Ma tra i due tecnici c’è una differenza: da domani Rossi è libero di trattare con altre squadre:"Da domani, infatti. Ma stiamo parlando di oggi – scherza Lotito – Se dovesse avvenire ora sarebbe fuori dalle regole. Stiamo parlando di oggi, no del futuro. Io faccio un ragionamento pratico: nella vita nessuno può costringere le persone a comportarsi in un certo modo, sono scelte individuali. Ognuno si assume le responsabilità di quello che fa, quindi visto il rapporto che ho con Zamparini, se ho un problema alzo il telefono e lo chiamo". Ballardini alla Lazio e Rossi al Palermo è fantacalcio? "Sono situazioni che non hanno senso, si parte da una scelta precostituita che non è avvenuta. Siamo a livello di parole crociate. Nessuno ha preso posizioni, io sto parlando con Delio, con cui approfondirò la situazione e cercherò di trovare la soluzione. Se si trova verrà rinnovato il contratto, altrimenti no. Da parte mia non c’è un atteggiamento di voler cambiare. Conoscendo Delio che è una persona per bene, non voglio pensare che lui possa aver contravvenuto a delle norme. Oggi ha ammesso di aver parlato con delle squadre? Cosa che non ha fatto la Lazio. Mi si diceva che io parlavo con Giampaolo e Giordano, ma non c’è mai stata nessuna iniziativa volta a trovare soluzioni alternative".

Il presidente biancoceleste ha anche rispoto all’allarme lanciato dall’agente-fratello di Maurito Zàrate, che ha dichiarato di non essere certo del riscatto del numero 10 argentino:"Non so quello che dice il fratello di Zàrate. Chiariamola così: la Lazio sta facendo una trattativa per il giocatore; quando la Lazio prende un impegno è in grado di onorarlo e l’ha sempre onorato, quindi questo è un dato incontrovertibile, contrariamente a quello che avveniva in passato. Se qualcuno vuole gettare ombre, perchè ha la preoccupazione di avere altre alternative migliorative e si vuole svincolare, sappiate che questo la Lazio non lo consentirà a nessuno".

(lalaziosiamonoi)

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Pazza idea Nedved…

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Il Ceco ha rotto con la Juve
Il centrocampista ceko ha deciso: lascerà Torino per accasarsi altrove; rimandato, dunque, l’addio al calcio. Il procuratore: "Per Pavel offerte sia in Italia che all’estero. La Lazio? No comment".

Pavel Nedved lascia la Juventus ma non il calcio. In un comunicato, il centrocampista ceko ha dichiarato: "Dopo otto stagioni con la Juventus è arrivato il momento di salutare tutti i tifosi, i compagni e la società e ringraziarli per il sostegno ricevuto in questi anni. A Torino ho vinto 4 scudetti e un Pallone d’Oro. Da lunedì penserò al mio futuro. Continuerò a sentirmi legato alla Juventus da un rapporto di grande affetto e sono particolarmente grato alla famiglia Agnelli per avermi dato l’opportunità di giocare in questa grande squadra". All’origine della decisione, tiene a precisare Nedved, "non vi è alcuna ragione di carattere economico".

In merito alla decisione del giocatore, è intervenuto ai microfoni di Sky il procuratore, Mino Raiola: "Quella di Pavel non è una scelta dettata da motivi economici. Ha richieste in Italia ed anche all’estero. La Lazio? Non commento".(lazialita)

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Rossi: Ho letto molte falsità

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

"Non ho chiesto la luna.."

Conferenza stampa del mister biancoceleste alla vigilia di Lazio-Juventus in programma domani pomeriggio alle ore 15 allo stadio Olimpico di Torino. Poche battute sulla partita e molte sul futuro di Delio Rossi:"Quello che è uscito sui giornali non corrisponde a verità -ha detto Rossi – e i miei pensieri sono ancora per la Lazio che è il bene supremo".


"Andiamo a chiudere una stagione in cui si poteva fare meglio su un campo che ci ha visto protagonisti contro una squadra importante. Ci teniamo a finire bene perché le ultime partite sono quelle che più restano impresse nella mente dei tifosi"

"Prima di parlare all’esterno devo parlare all’interno con il presidente. Sui giornali sono uscite cose fuori dalla realtà, ho letto cose aberranti che non corrispondono alla verità. La verità la sa il presidente. Io e il presidente abbiamo fatto il punto della situazione e abbiamo parlato di quello che servirà per fare meglio. Il presidente si è preso qualche giorno per riflettere ma non abbiamo fissato una data".

"Certe società mi hanno cercato ma ho detto a tutti che la mia priorità è la Lazio, io non metto mai in mezzo due cose. Fino al 31 maggio non posso parlare con nessuno. Il referente tecnico non è stato il motivo di discussione. Non c’è distanza tra me e il presidente su quello che serve a questa squadra. Conosco la società, so quello che possiamo fare e non mi verrebbe in mente di chiedere cose che non sono alla portata della società. Quello che è più importante è la Lazio che è il bene supremo, i singoli vengono sempre dopo".

"Secondo me una squadra come la Lazio dovrebbe mantenere i suoi giocatori importanti, ho parlato con Pandev e lui mi ha detto che non ha ancora deciso".

"Mi sembra normale che il presidente stia incontrando altre persone, può contattare chi vuole io so qual’è il mio valore. Quello che mi ha dato fastidio sono state le interpretazioni che sono state date sui giornali. Io ho fatto delle richieste per il bene della Lazio".

"Non ho chiesto cessioni eccellenti non si sta pensando ad un regolamento di conti. Penso che sia giusto porsi degli obiettivi ed essere tutti coinvolti per il raggiungimento dell’obiettivo. Con troppi giocatori questo non è possibile perché con 40 giocatori è difficile coinvolgerli tutti, 10 saranno sempre in esubero".

"Palandoci anche prima non sarebbero cambiate le cose che avrei detto. Quello che ho detto al presidente l’avrei detto anche tre mesi fa. La strategia tra me e il presidente non è diversa, collima con la mia".

"Anche se sono passati 4 anni per me vale pena impegnarmi ancora nel progetto Lazio. Il lavoro migliore paradossalmente l’ho fatto l’anno scorso dove abbiamo rischiato di finire a carte quarantotto. Quest’anno abbiamo centrato un titolo che rimarrà nella bacheca. Io però sto pensando a cosa fare per migliorare e non ad andare via da vincitore".(lazialita)

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Video: Gol spettacolo di Salas, la Lazio sbanca Torino

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Un bellissimo Gol realizzato dal Matdor, a 10′ dalla fine, che piega la Juventus

Video importato

YouTube Video

6 dicembre 1998 Campionato di Serie A 1998/99 – XII giornata

JUVENTUS: De Sanctis, Birindelli, Ferrara (46′ Iuliano), Montero, Pessotto, Blanchard (61′ Amoruso), Conte, Deschamps, Di Livio, Inzaghi (75′ Fonseca), Zidane – n.e. Peruzzi, Tudor, Tacchinardi, Perrotta – All. Lippi

LAZIO: Marchegiani, Pancaro, Nesta, Negro, Favalli, Sergio Conceicao, Stankovic (93′ Venturin), Almeyda, Nedved (69′ Gottardi), Salas, R.Mancini (66′ De La Pena). All. Spinosi – DT Eriksson.

Arbitro: Borriello (Mantova).

Marcatori: 81′ Salas.

 

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Primavera: E’ sprint Sudetto

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Martedi Lazio-Siena
Manca solo un giorno all’inizio delle tanto attese final eight. La Lazio è una delle squadre favorite alla vittoria finale, ma dovrà essere concentratissima ed implacabile per raggiungere l’obiettivo. Se la Lazio supera il primo turno giocherà la smifinale il 5 e poi la finale l’8 giugno.

Manca solo un giorno all’inizio delle final eight che si svolgeranno in Valsugana dal 1 all’8 giugno (tutte le partite saranno trasmesse in diretta Sky). La Lazio la prima partita la giocherà martedì 2 giugno alle 14 di pomeriggio contro il Siena. Il tabellone è così composto: nella parte sinistra si affronteranno Chievo-Genoa e Palermo-Juventus e nella parte destra Lazio-Siena e Reggina-Udinese. Le semifinali si giocheranno il 4 e 5 giugno (la Lazio se vince giocherà il 5), la finale l’8 giugno. In finale i biancocelesti potrebbero ritrovare la Juventus, favoritissima insieme agli aquilotti per la vittoria finale. Sarebbe una rivincita della sconfitta ai rigori del torneo di Viareggio che ai ragazzi di Sesena non è proprio andata giù.
La compagine laziale si affida alle quattro stelle, lo zoccolo duro, i trascinatori del gruppo. Sono quattro ragazzi che quest’anno hanno fatto la spola tra primavera e prima squadra: Mendicino, Kozak, Perpetuini e Tuia. Tre di loro hanno già esordito in serie A e l’altro – Tuia – si pensa debba farlo domani proprio contro la Juve. Tutti e quattro, infatti, domani saranno a Torino per la sfida contro la seconda della classe e lì sarà un banco di prova importante. Kozak e Mendicino saranno i titolari, con Rocchi fuori uso, Pandev squalificato e Zarate in Argentina. Una buona prestazione potrebbe dare morale in vista delle finali del campionato primavera, quella di giocare contro Buffon, Del Piero e company è un’occasione unica da non farsi lasciar scappare.

Questi i 21 giocatori convocati da Sesena:

Portieri: Degrè, Iannarilli.
Difensori: Tuia, Luciani, Sperati, Tortosa, Pisa da Monterosa, Iozzino, Faraoni.
Centrocampisti: Perpetuini, Cinelli, Sevieri, Spuntarelli, Tamalio, Troisi.
Attaccanti: Kozak, Mendicino, Sciamanna, Ricci, De Dominicis, Cinque.

Fonte: Lazialita

70 commenti

Mag 30 2009

Accordo Lotito-Giocatori sul premio Coppa Italia

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

30mila Euro a testa
Una riunione nello spo­gliatoio, prima dell’allenamen­to e senza lo staff tecnico. Clau­dio Lotito ha scelto la giornata di ieri per salutare la squadra e soprattutto per discutere con i giocatori del premio per la vitto­ria in Coppa Italia. Si è trattato a lungo (tanto che l’allenamen­to è slittato di oltre un’ora) e al­la fine le parti hanno raggiunto un accordo: circa 30 mila euro a testa e tutti felici, più o meno.(cittaceleste)

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Video: Quel Gol di Simeone, Gol Tricolore

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

L’Immagine, viva, è ancora lì, a colorare giorni senza luce. La carezza di Veron al pallone che viaggia docile (perché telecomandato) verso la testa di Simeone. E lui, il «Cholo», che lo colpisce cattivo piazzandolo dove le lunghe braccia di Van der Sar non possono arrivare. La rete si gonfia, la Juve si perde, lo scudetto si avvicina.

Video importato

YouTube Video

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Video: Precedenti Juventus-Lazio, i Gol

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Tutti i gol realizzati dalla Lazio a Torino dal 1991 ad oggi

 

Video importato

YouTube Video

 

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

Probabili Formazioni Juventus-Lazio, Kozac titolare

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Queste le probabili formazioni di Juventus-Lazio

Juventus (4-4-2): 1 Buffon, 5 Zebina, 33 Legrottaglie, 3 Chiellini, 29 De Ceglie, 16 Camoranesi, 19 Marchisio, 6 Zanetti, 11 Nedved, 10 Del Piero, 9 Iaquinta.
All. Ferrara.

Lazio (4-4-2): 1 Carrizo, 29 De Silvestri, 87 Diakite, 22 Rozehnal, 3 Kolarov, 2 Lichsteiner, 24 Ledesma, 8 Matuzalem, 17 Foggia, 20 Kozak, 81 Del Nero.
All.: Rossi

Commenti disabilitati

Mag 30 2009

30-05-1984 30-05-2009 25° Anniversario Roma – Liverpool

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Sono passati 25 anni ma quando arriva il 30 maggio provo sempre una forte emozione, apro la finestra ed urlo a squarciagola THANK’YOU LIVERPOOL

Riviviamo quella che e’ considerata una delle pagine piu’ belle per il calcio Romano:

LIVERPOOL: Grobbelaar, Neal, Kennedy, Lawerson, Whelan, Hansen, Dalglish (Robinson), Lee, Rush, Jonhston (Nicol), Souness.
All. Fagan

Riomma: Tancredi, Nappi, Bonetti, Righetti, Falcao, Nela, Conti, Cerezo (Strukely), Pruzzo (Chierico), Di Bartolomei, Graziani.
All. Liedholm

MARCATORI: 15′ Neal, 38′ Pruzzo

ARBITRO: Fredriksson (Sve)

SEQUENZA RIGORI:

LIVERPOOL
Nicol (fallito)
Neal (rete)
Souness (rete)
Rush (rete)
Kennedy (RETE!)

ROMA
DiBartolomei (Rete)
Conti (FALLITO!)
Righetti (rete)
Graziani (FALLITO!)

Video importato

YouTube Video

 

7 commenti

Mag 29 2009

Lotito: La permanenza di Rossi non dipende da me

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

"Per Pandev serve una proposta indecente…"
Il presidente biancoceleste Claudio Lotito, a margine della presentazione del prossimo ritiro estivo di Auronzo di Cadore, si è soffermato con i cronisti presenti al centro sportivo di Formello, con i quali è tornato a parlare sul futuro di Delio Rossi:"Non mi risulta che il sottoscritto stia intrapendendo strade alternative, tutti i giorni vengono scritte cose fuori dalla realtà, per esempio quando si parla di incontri. Il mio ritardo oggi è stato dettato da cose d’altra natura che riguardano la Lazio, impegni da onorare per portare a casa un risultato importante. Per quanto riguarda l’allenatore non c’è una scadenza, il problema è che sto facendo altre mille cose, tutte concatenate tra loro. L’aspetto dell’ allenatore – prosegue Lotito – è fondamentale. Quello che si svrive su Rossi sono tutte cose che mi fanno sorridere e sono fuori da ogni logica. Non c’è una percentuale di permanenza, sarebbe un elemento riduttivo che limiterebbe tutto ad un fatto matematico. Le scelte vanno ponderate, fatte su logiche importanti che devono dare delle prospettive e sulla possibilità di attuare il progetto richiesto. Sono abituato ad onorare gli impegni che prendo, anche perchè altrimenti diventerebbe un problema per tutti. Quindi voglio ponderare bene, ma non sulla persona, bensì sull’attuazione di quello che devo fare. Il problema è che non è legato alla mia persona, ma all’attuazione di fattori esterni e da altre volontà. Credete, non è una cosa così semplice come può apparire. Devo togliere la possibilità a coloro che partecipano a questo progetto di dover lamentarsi su cose che non sono accadute e che possono compromettere la serenità del gruppo e di un percorso che non deve avere ostacoli". Ma se fosse per lei? "Non dipende da me, non è una scelta mia.."

Inevitabile, poi, non affrontare l’altro tema caldo di questo inizio estate della Lazio, la possibile cessione di Goran Pandev. In particolare, il numero uno capitolino risponde alle dichiarazioni rilasciate, ieri, dal presidente della Juventus, Cobolli Gigli, che ha manifestato il suo ottimismo sull’acquisito del macedone:"Sono contento per lui che ha questa certezza. Cobolli Gigli ha detto impropriamente una cosa, dovrebbe riguardarsi le norme che prevedono questo tipo di considerazioni. Pandev è un tesserato della Lazio e prima di parlare con il giocatore, dovrebbe parlare con me. Vi garantisco che io non ho mai ricevuto nessun interessamento da parte della Juve. Anzi, posso dirvi una cosa, Pandev non è sul mercato. Nella vita ci sono delle cose che uno vuole e non vuole fare, e la Lazio non ha messo sul mercato Pandev. Poi se qualcuno dice che vuole andare via a tutti i costi, senza la volontà della società, è una scelta che prescinde. Sono convinto che lui non ha la volontà di creare una situazione di attrito verso la società, che non l’ha mai fatto con lui. La società vorrebbe mantenerlo a tutti i costi, sta cercando di attuare una serie di sforzi fondamentali. E’ un problema di volontà: qui ci sono due soggetti, il giocatore ed il presidente. La soceità ha dato grande disponibilità di trovare delle soluzione, se poi invece c’è la volontà di andare via a tutti i costi….L’ho detto in tempi non sospetti, tutti coloro che sono andati via dalla Lazio, hanno fatto una brutta fine. Penso che se Pandev restasse alla Lazio, avrebbe da guadagnare un ulteriore crescita, l’affetto dei tifosi, la considerazione del sottoscritto e di affermarsi definitivamente. Per quello che riguarda la Juventus, Cobolli dice che non ci sarebbe nessun problema e io sono contento per lui che ha queste certezze. Non ho ricevuto mai nessun interessamento neanche da altre squadre. Poi, se lui ha queste certezze significa che ha la certezza che il giocatore vuole andare via; a quel punto è chiaro che ci vuole una proposta indecente per iniziare a ragionare, ma altrimenti non rientrerebbe nei miei interessi".(lalaziosiamonoi)

Un commento presente

Mag 29 2009

Presentato il ritiro estivo di Auronzo di Cadore

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Lotito: Lazio-Auronzo, un connubbio vincente
Presentata a Formello "Auronzo di Cadore", sede, per il secondo anno consecutivo, del ritiro estivo della società biancoceleste. Nel corso della conferenza stampa, tenutasi oggi presso la sala stampa del centro sportivo di Formello, il presidente della Lazio, Claudio Lotito ha ringraziato il consorzio turistico e le Autorità locali, con in testa il Sindaco Bruno Zandegiacomo Orsolina, che ospiteranno la squadra nel periodo estivo. L’accordo prevede il soggiorno per il ritiro 2009 ad Auronzo di Cadore dal 10 al 28 luglio 2009 (raduno a Formello il 5 luglio:"Ci apprestiamo ad andare in ritiro in una località che lo scorso anno ha dimostrato di essere idonea ed accogliente – ha detto Lotito aprendo la presentazione – Inoltre è stata di buon auspicio, perchè abbiamo conseguito un trofeo importante. Era doveroso confermare questo rapporto ed avere l’orgoglio di questa scelta sia per la qualità del servizio reso, sia per la bellezza dell’aspetto naturalistico che favorisce la preparazione della squadra, sia per l’accoglienza particolarissima riservataci. Ci hanno trasmesso entusiasmo, senso di appartenenza ed orgoglio di una località che rivendica la primogenitura di questo rapporto. Noi abbiamo sempre il diritto di primogenitura e gli altri ci seguono a ruota nelle nostre scelte, così come ha fatto la Fiorentina. Anche la località ha avuto dei benefici, soprattutto un ritorno di carattere turistico. Questo significa che la Lazio è un grosso elemento di richiamo. Voglio sottolineare e ringraziare l’accoglienza e la dispobibilità di questa amministrazione che ci ha consentito questa scelta. Mi auguro che anche la prossima estate ci ritroveremo a festeggiare questo connubbio con risultati importanti". La parola, poi, è passata al Sindaco di Auronzo che ha confermato il successo della scorsa stagione e la soddisfazione di un rapporto continuatico con il club capitolino.

Auronzo di Cadore:
Posto a 864 m. sul livello del mare e con circa 4000 abitanti, il comune di Auronzo si snoda per oltre 8 chilometri nel fondovalle più lungo del Cadore. Il paese ingloba 11 borgate: Cima Gogna, Cella, Villapiccola, Riziò, Reane, Pause, Ligonto, Giralba, S.Marco e Misurina ed è delimitato a nord dalle pendici meridionali del monte Aiarnola ed a sud dal lago di S.Caterina. Il lago, alimentato dal torrente Ansiei, si è formato negli anni ’30 con la costruzione di una diga che fa di Auronzo una spiaggia attrezzata, cornice di importanti competizioni di motonautica e di canoa. Sotto il profilo architettonico vanno ricordate la settecentesca chiesa parrocchiale di S.Giustina a Villagrande, l’edificio di culto più vasto del Cadore, la chiesa di S.Lucano a Villapiccola, di stile neoclassico e la cinquecentesca chiesa di S. Caterina a Cella.
Fanno da sfondo al comune di Auronzo montagne come le Tre Cime di Lavaredo, i Cadini, la Croda dei Toni, il Corno del Doge, paradiso degli alpinisti e terreno di feroce contesa durante la Grande Guerra. A Palus S.Marco si può addentrarsi nella foresta di Somadida donata nel 1463 dai Cadorini a Venezia per ricavare il legname necessario alla costruzione delle sue navi. Sotto il dominio della Serenissima, Auronzo fu celebre anche per le sue miniere di piombo, zinco e argento, oggi esaurite.
Cantata dai poeti, tra i quali Giosuè Carducci che la definì con queste parole "…bella al piano stendesi lunga tra l’acque sotto la fosca Ajarnola…", Auronzo, grazie al suo clima continentale alpino temperato freddo che rende l’aria purissima, offre al turista tutto il fascino di una vacanza tra tradizione e modernità, in una cornice mozzafiato, che è cura per il corpo e per l’anima.

Come raggiungere Auronzo
Auronzo e Misurina sono facilmente raggiungibili con qualsiasi mezzo di trasporto.
In Auto
Da sud: Auronzo si può raggiungere con l’autostrada A27 da Mestre a Pian di Vedoja (Belluno) con collegamento alla strada statale 51. In località Tai di Cadore seguire le indicazioni per Auronzo-Comelico (SS 51bis), giunti nel comune di Lozzo di Cadore seguire le indicazioni per Auronzo ( SS 52), oltrepassata Cima Gogna (SR 48) e lo svincolo per il Comelico, la Val d’Ansiei si apre circondata dalle maestose Tre Cime di Lavaredo.
Da nord: Si raggiunge con l’autostrada A22 del Brennero; all’uscita di Bressanone si imbocca la strada statale in direzione Dobbiaco, superato il quale, allo svincolo per Cortina d’Ampezzo si deve proseguire in direzione Misurina, e da lì scendere verso Auronzo.
Aeroporti: Treviso, Venezia, Verona e Innsbruck in Austria. L’aeroporto di Venezia è collegato alla vicina stazione ferroviaria di Mestre-Venezia da servizi di autobus di linea.
Stazione ferroviaria: la più vicina ad Auronzo si trova a Calalzo di Cadore a 15 km di distanza. La linea ferroviaria principale è la Venezia S. Lucia – Calalzo di Cadore. Dalla stazione di Calalzo c’è a disposizione un servizio di autobus per Auronzo e Misurina in coincidenza con i treni.(lalaziosiamonoi)

2 commenti

Mag 29 2009

Gascoigne, che cotta per Emma Kate !

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

Una bellissima modella 21enne
Finalmente una bella notizia legata a Paul Gascoigne, che sembra essersi lasciato alle spalle i problemi di alcol e droghe che lo hanno accompagnato negli ultimi anni.

LOVE-STORY – "Gazza" è stato immortalato con una nuova fidanzata, la biondissima e giovanissima Emma Kate Dawson, modella 21enne che ha la metà degli anni dell’ex stella dell’Inghilterra ed è di Newcastle come lui. Gascoigne sembra particolarmente preso da questa nuova love-story, e ha già regalato alla bella Emma Kate rose rosse e un orologio da 1.700 euro in occasione della festa per il suo 41esimo. Come un ragazzino innamorato, Gascoigne si è timidamente rivolto alla sua bella: «Significhi molto per me, posso essere il tuo ragazzo?». Positiva la risposta della modella: «Va bene. Mi piaci molto, ci possiamo frequentare». Tenere effusioni (e una mano galeotta… le vecchie abitudini sono dure a morire), cene romantiche e qualche bacio per ora. Perché, ha spiegato Emma Kate al ‘Sun’, bisogna aspettare per la prima notte insieme. «Gazza ha bisogno di persone di cui si può fidare. Non abbiamo bisogno di affrettare i tempi». Good luck, "Gazza".(corrieredellosport)

FOTO: Ecco la sexy Emma Kate Dawson

 

Un commento presente

Mag 29 2009

Mauro Zarate la rivelazione dell’anno

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

 

E’ stato il più decisivo in serie A
L’attaccante argentino è stato una matricola esemplare, pagelle sempre doc. E’ stato lui il migliore in una gara su due e nessuno è riuscito ad eguagliarlo. Ora è in vacanza in Argentina, ma già ha nostalgia di Roma.

Il talento argentino quest’anno è stato una matricola modello, è stato lui il migliore in una gara su due. 19 volte su 36 è stato il trascinatore della sua squadra e non c’è stato nessun giocatore tra le sette italiane che giocheranno in Europa la prossima stagione, che sia riuscito a far meglio di Zarate.

Sotto questo punto di vista è stato migliore addirittura di Ibrahimovic. Il numero 10 biancoceleste ha concluso una stagione davvero spettacolare, coronata anche con la conquista della Coppa Italia.

Nel suo primo anno in Italia, Zarate ha messo a segno 16 gol, di cui 13 in campionato, senza considerare poi, le volte che è stato decisivo con assist e giocate di altissimo livello.

Ecco la lista dei giocatori (appartenenti alle prime sette squadre italiane) che sono stati decisivi per la propria squadra:
Zarate 19 volte
Ibrahimovic 14
Frey 14
Milito 14
Totti 11
Pato 9
Del Piero 6

E allora è proprio il caso di dirlo, il migliore dei migliori, come lui l’ha dimostrato sul campo e come è stato testimoniato dalle pagelle sportive, quelle della Gazzetta ad esempio, che lo hanno visto migliore in campo una volta su due.

Il talento argentino è tornato in Argentina, nella sua Haedo, hinterland di Buenos Aires, dove ad attenderlo all’aeroporto c’era tutta la sua "tribù" familiare.
Stavolta Buffon può stare tranquillo, Maurito Zarate non ci sarà a Torino domenica, e lui quindi non correrà il rischio di essere nuovamente beffato come la sera del 22 aprile in Coppa Italia.

Il talento argentino è diffidato e quindi, giustamente, non si vuole correre il rischio in casa Lazio, che possa essere ammonito e quindi squalifuicato per la gara di Supercoppa che si giocherà l’8 agosto a Pechino contro l’Inter.

un po’ di nostalgia di Roma però è già presente nel giocatore, come testimonia Luis Ruzzi, il quale ammette: "Mauro è innamorato di questa città, gli piacciono la gente, i monumenti, le strade, le piazze".

Ed ovviamente gli mancherà casa sua, da dove vede il Cupolone ed uno spicchio di Olimpico che coincide proprio con la curva nord. ma la sua Roma è soprattutto Formello ed il Tennis Club Parioli, il circolo in cui svolge allenamenti di supplemento, conferma Ruzzi: "E’ un maniaco della forma fisica, anche se il suo strumento preferito è ovviamente il pallone, ne ha sempre uno tra i piedi, anche quando è dentro casa".

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Video importato

YouTube Video

Commenti disabilitati

Mag 28 2009

Lippi chiama Foggia per l’amichevole Italia-Irlanda del Nord

Pubblicato da archiviato in Senza categoria

In campo il 6 giugno
I soliti «bocciati»: Cassano e Del Piero. E tanti «promossi» invece dal campionato. Sono nove le «facce nuove», quelle di cui aveva parlato Marcello Lippi, quelli che il ct dell’Italia ha deciso di premiare, per quanto fatto durante la stagione, con la maglia azzurra per l’amichevole di sabato 6 giugno a Pisa contro l’Irlanda del Nord: Marchetti, Cassani, Esposito, Santon, Biagianti, Galloppa, Mascara e Pellissier. C’è poi anche il ritorno di Gattuso, che non ha ancora giocato una partita ufficiale dopo l’infortunio e l’operazione ai legamenti. Tredici invece i calciatori che Lippi ha chiamato direttamente per la Confederations Cup e che raggiungeranno il ritiro di Coverciano solo nella tarda serata del 6 giugno.

Questo il dettaglio:

- PER LA CONFEDERATIONS CUP – PORTIERI: Amelia (Palermo), Buffon (Juventus); DIFENSORI: Cannavaro (Juventus), Chiellini (Juventus), Zambrotta (Milan); CENTROCAMPISTI: Camoranesi (Juventus), De Rossi (Roma), Pirlo (Milan); ATTACCANTI: Gilardino (Fiorentina), Iaquinta (Juventus), Pepe e Quagliarella (Udinese), Toni (Bayern Monaco).

- PER L’AMICHEVOLE CON L’IRLANDA DEL NORD – PORTIERI: De Sanctis (Galatasaray), Marchetti (Cagliari); DIFENSORI: Cassani (Palermo), Dossena (Liverpool), A. Esposito (Lecce), Gamberini (Fiorentina), Grosso (Lione), Legrottaglie (Juventus), Santon (Inter); CENTROCAMPISTI: Biagianti (Catania), Brighi (Roma), D’Agostino (Udinese), Galloppa (Siena), Gattuso (Milan), Montolivo (Fiorentina), Palombo (Sampdoria); ATTACCANTI: Foggia (Lazio), Mascara (Catania), Pazzini (Sampdoria), Pellissier (Chievo), G. Rossi (Villarreal).(dire)

Commenti disabilitati

Pagina successiva »